LIBRI RECENSIONI

IL CAOS di PIER PAOLO PASOLINI

3 Novembre 2021

Il Caos è uno dei titoli più significativi per capire l’opera intellettuale e anche l’uomo Pasolini, per questo il fatto che sia rimasto più in sordina, non è un caso. Contiene la raccolta completa degli editoriali scritti come Direttore della rubrica omonima tenuta dal ’68 per Il Tempo che gli costò ciò che oggi chiamiamo hate speech. 


Pasolini ne fu oggetto tutta la vita, accettandolo come il prezzo da pagare per aver tentato di svegliare la società con la propria arte, per il suo pensiero indipendente e libero. Tra le pagine de Il Caos è sparpagliato l’imbarazzo di leggere e constatare come in questi anni, ben 50, in Italia non sia cambiato quasi niente delle dinamiche socio-culturali e politiche che muovono le azioni di governo del Paese e come si rifletta tutto questo nella mentalità comune. Potremmo dire, come dice Roberto Saviano nella bella prefazione, che nel libro prende corpo la profezia di Pasolini: pagine scritte nel ’68, descrivono fedelmente il nostro presente. 


Il Caos è un compendio di tutte le debolezze italiane, culturali, sociali, giudiziarie e politiche, per questo merita di essere letto da tutti e in particolare dai nostri ventenni, che possono riavvolgere il nastro di alcune vicende focali della storia italiana fuori dalla loro conoscenza per motivi anagrafici, e non solo, e constatare lo stallo dei diritti civili e umani in cui versiamo; basti pensare con che temi e modi si è distinto l’iter legislativo del Ddl Zan. La stessa mentalità che mise al bando uno tra i più fini intellettuali, oggi continua a mettere al bando migliaia di persone: grottesca.


Tra queste pagine c’è il Pasolini scomodo che difende la marginalità, diversità; denuncia falle del sistema giudiziario e politico, parla di razzismo in casa nostra. Avvertiva che lo si definiva un fenomeno calante e invece era destinato ad aumentare. Aveva ragione. E poi le gogne e i processi mediatici come armi per sollevare l’opinione pubblica: ora come allora.
Saviano dice che ne Il Caos “Pasolini ha il suo cuore sulla carta”. 
Da Il Caos Pasolini ci avverte “La parola umanità è stata degradata…bisognerà parlare di umanità, invece che di nazioni o di popoli”. 
Era una profezia o no?

TITOLO: Il Caos, AUTORE: Pier Paolo Pasolini, EDITORE: Garzanti, PAGG. 325, PREZZO: 15,20€ disponibile su IBS

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply