LIBRI RECENSIONI

IL RAGAZZO MORTO E LE COMETE di GOFFREDO PARISE. Un esordio immortale

5 Maggio 2022

Talvolta i caratteri a disposizione per parlare di libri rispettando comunque i tempi di chi legge il web, mi sono stretti. In questo caso, per un peso massimo della letteratura italiana come Goffredo Parise, è davvero difficile contenere il racconto del piacere di leggere.

Per descrivere la grandezza di questo libro mi basterà dire che la prima edizione, ormai solo in usato, è venduta a 1000€. Eh…si avete letto bene, non ho sbagliato con gli zeri!


Il valore di questo esordio è immenso, ha cambiato molto della letteratura fino alla sua uscita.

Parise, 20 anni, si presenta a @neripozza e lascia il manoscritto, imponendo che non sia fatta alcuna modifica editoriale.

Neri Pozza ci sta e ne pubblica 1000 copie. Non va molto bene in Italia, ma all’estero grazie a Prezzolini e a un editing con i fiocchi fa furore.

71 anni dopo noi siamo qui a ringraziare per questo romanzo “lirico e cubista” zeppo di “fratture narrative, di tempo e luogo“. Un unicum definito da Montale

una sostanza poetica che ribolle e rifiuta di assestarsi entro schemi definibili“.

Personaggi onirici, Parise dice:

“una cineteca personale di volti, immagini e sensazioni”,

con nomi impensabili – Squerloz, Fiore per un ragazzino, Edera, Leopolda – tutti rigorosamente inscindibili dal senso della narrazione; simboli, metafore, rimandi si muovono su uno sfondo che parla di amicizia e impulsi adolescenziali fatti di ricordi, volti che si susseguono, paure.

Questo libro è chiaro e scuro, luce e tenebra, a volte macabra; uno sfoggio di opposti non altro che la duplice faccia dell’esistenza umana.

Parise parla della vita per contrasto, parlando di morte, ma non spaventa, perché è preludio alla luce. Il protagonista è un ragazzo morto che non si vede mai, ma è protagonista assoluto, tanto che gli altri personaggi sono comete, meteore che gli gravitano intorno in cerca di un senso.

 
Personaggi disegnati con la china: dai contorni precisi, con uno stile impattante, una lingua serrata che sopporta salti temporali e cambi di voce narrante. 


Una modernità indiscussa. Eppure Parise è ricordato solo per il Prete Bello che vinse lo Strega.

Ma il bozzolo di scrittura cinematografica che ispirò Il terzo uomo a Orson Welles e ha fagocitato anni 50 e neorealismo è in questo libro. Non altri.

TITOLO: Il ragazzo morto e le comete, AUTORE: Goffredo Parise, EDITORE: Adelphi, PAGG: 106, PREZZ06: 19,00€

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: